mercoledì 4 marzo 2020

Due chiacchiere con il nostro Giustino Di Muzio

Giustino Di Muzio durante Acqua&Sapone - Sambuceto. Foto Maurizio Ruggieri

L'espulsione di Palena a dieci minuti dal termine con il Pontevomano e la successiva squalifica per due giornate hanno dato modo al nostro Giustino Di Muzio di mettersi alla prova e dar sfoggio delle sue qualità.

Giustino, oggi sei il nostro giocatore meritatamente sotto la nostra lente di ingrandimento. Due prestazioni importanti da titolare contro Sambuceto e Angizia. Ti senti soddisfatto?

Si certamente, ma aggiungerei anche i dieci minuti finali di Pontevomano giocati 10 contro 11.

Avevi già giocato tutte le partite di coppa. E' stata una pressione diversa e come ti sei sentito prima di Sambuceto?

Si la differenza è netta, perché in coppa avevamo tutto da guadagnare e rappresentava una vetrina per metterci e mettere in mostra i ragazzi della juniores o chi come me aveva avuto poco spazio. Questo anche grazie al mister che nutre grande fiducia per tutta la rosa e che è stato bravissimo a trasmettercela. 
Per quanto riguarda il campionato le “pressioni” generalmente mi caricano in maniera positiva, e sinceramente sentivo in me le motivazioni giuste per affrontare al meglio le due gare, infatti ne avevo parecchie:

-sostituire un portiere forte come Alceo, oltre che un amico, una persona super positiva.

-ripagare la fiducia della società e dei Mister Del Gallo, Cianfagna e Pacchiarotti che mi hanno sempre fatto sentire importante, apprezzato le mie qualità e riconfermato, venendomi a prendere da un campionato di seconda categoria, tre anni fa.


-le partite in questione: infatti Sambuceto rappresenta un derby molto sentito da entrambe le società, e l’Angizia Luco una rivincita che aspettavo dall’andata, in quanto uscendo dal campo vari tifosi ci offesero e ci presero in giro per la sconfitta maturata, oltre al fatto che per tutti noi rappresentò una sconfitta dolorosa.

- dare il mio contributo ad una squadra rappresentata nei tre anni da uomini e giocatori fantastici, tutti pieni di valori importanti e ai quali sono molto legato.

- continuare la striscia di risultati positivi, forse la pressione/stimolo maggiore.


- prendermi una bella soddisfazione personale, dimostrando che ci posso stare anche io in questo campionato.

Cosa ti hanno detto i tuoi compagni prima e dopo le partite?

Considerata la mia assenza la settimana prima di Sambuceto per via dell’influenza, e vista anche la settimana successiva sotto effetto degli antibiotici i miei compagni mi hanno detto poco e nulla. Mi hanno fatto sentire come se fossi un titolare, non c'è miglior gratificazione, invece devo dire che dopo entrambe le partite mi hanno riempito di abbracci e complimenti, i più belli??? Tutti, ma in particolar modo gli abbracci con Alceo, i messaggi di Fabio Ricci, la telefonata di Colantoni, i complimenti di Nico Trento e le parole a fine partita con l’Angizia, del nostro bomber Mariolone, mai scontato sempre sincero ed onesto!!

Quattro punti in due gare. Ci avresti messo la firma prima di disputarle?

Oddio no, perché provo a pensare sempre partita per partita, in ogni caso ci tenevo a raccogliere il massimo per rendere orgogliosi tutti noi: i dirigenti, i mister, i miei compagni di squadra, il nostro fisioterapista Stefano Semproni che ci accompagna sempre con piacere!! E anche voi dell’ufficio stampa che ci seguite ogni domenica e date giusto risalto alle nostre prestazioni.
Un grazie speciale va alla mia famiglia, tutta presente in tribuna per farmi sentire il suo supporto, agli amici che mi sono venuti a vedere e ad una mia tifosa speciale che ultimamente mi segue sempre con piacere!

Tecnicamente avrei firmato solo per sei punti!! (ride ndr)


Due buone prestazioni che ti hanno fatto capire cosa?

Che sono fortunato, ma probabilmente me lo merito pure, a fare parte di questo meravigliosa società e squadra, nella quale mi trovo molto bene e mi sento molto apprezzato.

Squadra al sesto posto in classifica. Secondo te l'Acqua&Sapone può puntare ad un piazzamento playoff, magari raggiungendo anche il quarto posto?

Beh ci manca ancora qualche punto per la salvezza matematica, sicuramente avere 42 punti a 6 giornate dalla fine rappresenta sicuramente un buon vantaggio per il raggiungimento del nostro obiettivo, oltre che una novità per la nostra società ma non per i giocatori che ne fanno parte spesso abituati, in passato, a disputare campionati di vertice. Per questo sono sicuro che continueremo a dare il massimo per provare a fare il maggior numero di punti possibili a prescindere dalla possibilità di un piazzamento play off, che comunque dipende molto dal cammino del Lanciano, ma al quale possiamo credere per via di un calendario favorevole.

In ultimo hai qualcosa da dire ad Alceo Palena, che domenica tornerà tra i pali?

Giovedì ti offro la cena che hai vinto!!! E torna a segnare!! che dobbiamo andare in serie D per giocare contro la Torres Sassari e far pagare il volo charter al presidente!!!

P.S. EEEEE… prendilo qualche cartellino rosso in più!!!
Share: